Frecciarossa 1000, o 1000 buoni motivi di prendere il treno

da Costanza Astore, il 16 novembre 2017 | Aggiungi commento

Quando si tratta di attraversare l’Italia per lavoro o per un viaggio di piacere, la questione è sempre la stessa: trovare il compromesso ideale tra durata, comfort e prezzo.

Sapete già quale mezzo di trasporto stiamo per suggerirvi, adoriamo i treni e questo non è un mistero.

Ma se ancora vi state chiedendo quale sia il treno per eccellenza, forse non siete ancora saliti a bordo di un Frecciarossa 1000.

copia-di-img_1254

Un gioiello ferroviario

Qui si parla di un vero e proprio prodigio della tecnologia!
Benché  la velocità commerciale sia di 300 km/h, questo modernissimo treno rosso fuoco (opera del consorzio AnsaldoBreda-Bombardier) può arrivare a fendere l’aria alla velocità di ben 400 km/h!

Costruito per viaggiare su tutte le reti europee ad alta velocità, il Frecciarossa 1000 è il beniamino della famiglia Trenitalia, un concentrato del meglio del meglio.

Dotato di ben 16 motori, che garantiscono una totale aderenza ai binari, questo splendido treno è concepito per offrire ai suoi passeggeri la massima sicurezza, senza però trascurare l’aspetto ecologico, che un fiore all’occhiello della tecnica deve assolutamente annoverare tra le sue caratteristiche.
Per darvi un’idea più precisa, il Frecciarossa 1000 è dotato di un sistema tecnologico di controllo della marcia del treno e di un sistema di diagnostica predittiva e al tempo stesso ha ottenuto la certificazione di impatto ambientale (EPD).
Niente male! Questo giovanotto promette grandi cose.

img_6385-copia

Il suo enorme successo ha reso necessaria in alcuni casi una conformazione doppia, che Trenitalia ha pensato apposta per questo tipo di treno: avete capito bene, non uno ma DUE Frecciarossa 1000 collegati l’uno all’altro per un totale di oltre 900 posti, e tutto questo senza influire poi più di tanto sulla velocità, che si mantiene comunque intorno ai 300 km/h. Pensavate davvero che 450 persone in più potessero rallentare la sua corsa?

L’avete capito, viaggiare su questo treno è una meraviglia, ma non avete ancora letto la parte migliore. Siete pronti?

Comfort e cura dei dettagli in quattro varianti

Come i suoi fratelli ETR 500 – li conoscete già, sono i classici Frecciarossa – anche il Frecciarossa 1000 ha ben quattro livelli di servizio.

Standard

Iniziamo dal più economico, il livello Standard. Sul Frecciarossa possiamo dare per scontato che il comfort sia una priorità, qualunque prezzo siate disposti a pagare per viaggiare.
La classe Standard si contraddistingue per i colori arancio e grigio dei sedili, che sono spaziosi e confortevoli. I bagagli possono essere riposti sotto ai sedili o nelle cappelliere – sappiamo bene quanto sia importante tenere d’occhio i propri effetti personali, ma ciò non significa averli sempre tra i piedi!
E se durante il viaggio sarete colti da un “leggero languorino”, potrete sempre usufruire del servizio Easy Food: scegliete tra tre menù diversi, tutti comodamente serviti al posto.

standard

Premium

Subito al di sopra del livello Standard, il livello Premium. In questo spazio, i sedili, con le stesse caratteristiche menzionate sopra, sono in più reclinabili fino a 109°. I servizi comprendono un Welcome Drink offerto da Trenitalia, con  uno snack dolce o salato (disponibile anche Gluten Free) e 9 bevande calde e fredde tra cui scegliere. Per i giovani viaggiatori sono a disposizione dei pack dedicati (kids e junior). Al mattino potrete gustare il tutto leggendo un quotidiano a scelta!
Se poi avrete ancora fame, troverete ad aspettarvi 3 diversi menù completi, un concentrato in tre declinazioni delle più celebri specialità italiane.

comfort

Business

Il livello superiore è il Business. Qui i sedili sono ancora più larghi e confortevoli, sempre reclinabili e con tutti i servizi già previsti per il livello Premium, incluso il delizioso Welcome Drink. Un’attenzione particolare è riservata alla privacy e alla tranquillità dei passeggeri: le file di poltrone sono separate da elementi divisori in cristallo ed è prevista un’area silenzio per un relax totale. Sarete così freschi e riposati che nessuno crederà che abbiate appena percorso forse più di 500 km.

business

Executive

La perla, però, l’abbiamo lasciata per la fine. Si dice che l’importante è il viaggio, non la destinazione…
No, non è una citazione rubata da qualche filosofo orientale, ma la realtà dello splendido livello Executive.
Come di consueto, iniziamo dagli allestimenti.

executive

Qui in Executive, più che in un treno sembra di stare nella hall di un design hotel. Piccolo paradiso per soli 10 passeggeri, con sedili in pelle rotabili a 180°, larghi 74 cm e reclinabili per un comfort senza precedenti, questo spazio dispone persino di una sala meeting completamente equipaggiata di prese elettriche e monitor. Se siete indecisi sulla location della prossima riunione, eccovi accontentati!
Fermi lì, non abbiamo finito. Pensavate mica di restare a stomaco vuoto? In Executive, troverete piatti tipici regionali degni di un grande ristorante serviti direttamente al posto (pssst… a pranzo e a cena, al menù una ricetta d’autore firmata Carlo Cracco!), bevande calde e fredde, persino un’edicola di bordo!
Sarà un’esperienza lussuosa e rilassante, arrivati a destinazione sarete quasi dispiaciuti di scendere.

Si, ma dove andiamo?

Il Frecciarossa 1000 collega le città di Torino, Milano, Reggio Emilia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Salerno, raggiungendo anche Potenza e Taranto. Alcuni treni effettuano anche la tratta Venezia, Padova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli con destinazione Salerno e di recente hanno iniziato a circolare anche sulla Trasversale Padana (Torino – Milano – Venezia).

Abbiamo selezionato per voi alcune delle tratte più popolari e le abbiamo elencate qui sotto. Per farvi un’idea dei prezzi più vantaggiosi, cliccate su una tratta e fate una ricerca su Trainline: potrete direttamente acquistare i biglietti e portarli con voi sulla nostra app 🙂

Milano – Roma

Firenze – Venezia

Milano – Napoli

Roma – Venezia

Milano – Bologna

Padova – Roma

Milano – Venezia


Nessun commento Aggiungi commento

Richiesto

Richiesto (nascosto)

Facebook